09 Gen

Benvenuto modem libero. Cosa cambia e come configurare i nuovi router.

Il nuovo anno è iniziato in maniera scoppiettante: l’entrata in vigore della fatturazione elettronica e del modem libero stanno caratterizzando le prime settimane di gennaio.

La Delibera n. 348/18/CONS ha stabilito le misure riguardanti l’accesso a internet con specifico riferimento alla libertà di scelta delle apparecchiature terminali, ovvero dei modem router. Fino allo scorso anno tutti gli utenti che sottoscrivevano un contratto di connettività alla rete erano obbligati a utilizzare il modem fornito dal gestore telefonico. Adesso tutto è cambiato. Ogni consumatore potrà scegliere il modem router che più si adatta alle sue esigenze. Quanti guardano le serie tv in streaming? Ci sono apparecchi in cui si possono impostare delle priorità nel traffico dati, in questo caso l’utente potrà scegliere un router con Quality of service, una funzione del router che permette di dare la priorità a determinati tipi di traffico rispetto ad altri e permette alla connessione internet di funzionare bene senza rallentamenti.
Attivare il Quality of Service sul router è molto vantaggioso perché così si può ottimizzare e potenziare la connessione internet per quelle utenze dove si usa in modo intensivo la banda, quindi è la soluzione ideale per chi scarica molto, per chi vede film in streaming e per chi gioca online.

Avere un modem router appropriato alle consuetudini d’uso personali è fondamentale per utilizzare al meglio la connessione internet. Capita di ascoltare pareri sulla scarsa qualità della banda larga, ma spesso dipende da modem non adatti alle attività che si svolgono. Una delle prime cose da valutare è la potenza del WiFi. Se l’area da coprire è ampia o sono presenti molti muri o soffitti, è meglio optare per un router con antenne esterne. Ogni router, inoltre, supporta una specifica velocità di trasferimento dati.

Se hai deciso di cambiare il modem, hai bisogno di inserire i parametri del tuo gestore per configurare il router. Con il nuovo regolamento, le compagnie hanno l’obbligo di comunicare i propri dati di configurazione. AVM, azienda tedesca di elettronica che si è battuta più di altre per la liberalizzazione dei modem router, ha inserito sul proprio sito tutte le informazioni ha inserito tutte le informazioni sui parametri tecnici da utilizzare per configurare router di terze parti.

Puoi trovare tutte le informazioni per configurare il tuo nuovo modem qui — > https://bit.ly/2Aw59Ja

 

Share this

Leave a reply